Recensione monografia sulla vehicle forensics

A pochi mesi di distanza da un’altra sua pubblicazione che avevamo recensito in tema di indagini in ambito di pedopornografia, il socio CSIG Bologna Michele Ferrazzano ha pubblicato una nuova monografia intitolata Dai veicoli a guida umana alle autonomus car”, per la collana “Informatica Giuridica” dell’editore Giappichelli.

Nella sua precedente pubblicazione l’Autore aveva trattato una tematica comunque conosciuta nell’ambito degli studiosi e dei consulenti tecnici di informatica forense.

L’argomento oggetto di questa nuova pubblicazione rappresenta – per quanto noto – il primo scritto sul tema della vehicle forensics o car forensics, la branca dell’informatica forense che si occupa dell’analisi di dati in ambito automotive e in caso di incidenti o malfunzionamenti che riguardino autoveicoli. Si tratta di un tema in ampia espansione di cui sentiremo molto parlare in futuro fra gli addetti ai lavori anche in virtù dell’evoluzione del fenonemo dei veicoli a guida autonoma di cui si fa cenno nella monografia.

Tutti noi con qualche anno di guida di autoveicoli sulle spalle abbiamo assistito al rapido sviluppo delle tecnologie nella progettazione e nella costruzione degli stessi: se agli inizi della nostra esperienza come conducenti predominavano le componenti meccaniche con solo qualche componente elettronica, le moderne autovetture hanno installati oggi su di esse svariati sistemi informatici, con numerosi dati digitali in essi contenuti.

Ciò evidenzia agli occhi di un esperto di informatica forense – attraverso le fasi di individuazione, l’estrazione e l’analisi di questi dati digitali – la possibilità di arrivare a determinare difetti originari del veicolo oppure, nel caso di incidente o di commissione di un reato per mezzo di quel veicolo, le cause e le eventuali responsabilità che hanno portato al verificarsi di quel sinistro, con tutte le conseguenze a livello penale, civile e anche assicurativo.

Tutto ciò è reso possibile, nonostante l’eterogeneità e la complessità dei sistemi informatici che governano le moderne autovetture oggi in circolazione.

Tutto si riconduce all’applicazione delle “best practices” dell’informatica forense, a partire dallo standard ISO/IEC 27037:2012 che detta le linee guida per la identificazione, la raccolta e la conservazione delle prove digitali.

vehicle forensics e car forensics

Il contenuto della monografia sulla vehicle forensics

Il volume si apre con una parte dedicata alla illustrazione degli aspetti metodologici e applicativi dell’informatica forense e un’altra parte in cui vengono riportate le norme dell’ordinamento italiano che impattano sulle tematiche specifiche dell’analisi dei sistemi digitali presenti negli autoveicoli.

Quindi dopo una rapida carrellata descrittiva sui sistemi informatici presenti nelle moderne autovetture vengono riportati due casi nei quali il ricorso alle “best practices” dell’informatica forense ha portato alla individuazione delle cause dei malfunzionamenti di un autoveicolo fin dalla sua uscita dal concessionario e delle responsabilità nel caso di un incidente stradale.

Nell’ultima parte del libro un intero capitolo è poi dedicato ad un’ampia disamina degli aspetti tecnici, giuridici ed etici nella prospettiva ormai imminente di realizzazione di smart city e autonomus car e delle problematiche che si potranno verificare nei casi di incidente e malfunzionamento.

Conclusioni in merito alla monografia sulla car forensics

Una pubblicazione questa più da “addetti ai lavori” che non da tecnici ai primi passi della loro attività, sicuramente un ottimo lavoro di ricerca proiettato al futuro quando le “best practices” dell’informatica forense e le norme dell’ordinamento penale e civile italiano saranno messe alla prova dallo sviluppo delle autovetture “guidate” da sistemi informatici complessi ed in cui la componente “artificiale” sarà sempre più prevalente rispetto a quella umana.

Anche se avremmo visto meglio una diversa disposizione dei capitoli per un progetto più uniforme di lettura fra le tematiche proposte, con l’inversione fra la parte seconda e la parte terza, l’Autore affronta la tematica con il consueto stile rigoroso ancorato a saldi principi scientifici, mettendo a disposizione dei cultori della materia e degli addetti ai lavori le preziose conoscenze derivate dai suoi studi e dalle sue esperienze professionali in qualità di consulente tecnico di informatica forense.

La pubblicazione recensita è “Dai veicoli a guida umana alle autonomus car” di Michele Ferrazzano, edita da Giappichelli e pubblicata nel 2018.

di Alfonso Buccini

Permanent link to this article: http://www.csigbologna.it/referenze/informatica-forense/recensione-monografia-sulla-vehicle-forensics/